giovedì 16 febbraio 2017

32

LEGO Batman - Il film, la recensione senza spoiler

LEGO Batman il film recensione poster
A furia di parlare di minifigure di LEGO Batman, ieri, c'è che hai trovato quell'oretta e mezza di buco nel 'meriggio, hai sfidato la sorte (dei temibili genitori spiegoni al seguito di bambinetti casinisti) e sei andato finalmente a vederti LEGO Batman - Il film (The LEGO Batman Movie). La domanda non può ovviamente che essere: è bello quanto il meravigliosoooooo The LEGO Movie? La risposta è no, ma anche sì [...]

Immaginate il più sontuoso e spettacolare episodio del telefilm di Batman degli anni 60 mai realizzato. Solo ancora più comico e delirante. Immaginate un film su Batman in cui vengano citate praticamente TUTTE le incarnazioni precedenti del paladino di Gotham: tutti i film, le serie animate, i fumetti, perfino i serial in bianco e nero per il grande schermo degli anni 40. Una roulette di citazioni che gira così veloce da rendere praticamente impossibile coglierle tutte in una sola visione, ma c'è davvero la qualunque, da Batman Beyond ai mutanti de Il Ritorno del Cavaliere Oscuro. 
Ora aggiungi un elemento centrale della storia pescato dai film di Superman con Christopher Reeve. Ora aggiungi i Superamici. Ora, siccome dice che non basta, buttaci dentro un secondo tempo che cita decine e decine di altri film, gettando addosso a Batman personaggi che, beh, su una scala da zero a cento, ti saresti aspettato meno cinque di trovare qui. E funziona? È divertente? Oh, sì. Ci sono un paio di brevi momenti di stanca, soprattutto nel secondo tempo, ma il fuoco di sbarramento di gag ti ha tenuto un sorriso incollato in faccia praticamente per tutti i suoi 104 minuti, interrotto solo da qualche risata sguaiata. Hai iniziato a ghignare ancor prima dei titoli di testa (guardando il film capirete perché) e praticamente non hai smesso più. Un paio di rEgazzini, due file avanti, hanno riso però molto meno di te. Perché? Perché, come e molto più di The LEGO Movie, hai l'impressione che LEGO Batman - Il film sia apprezzabile soprattutto da chi è in grado di cogliere tutte quelle citazioni
Non necessariamente un Batman fan nel midollo, attenzione, ma un tizio con una cultura pop media che sappia perché quella scena lì fa ridere, quando Joker imita Obama, Wayne scherza su uno dei tanti aspetti canonici del suo personaggio o parte a tradimento il tormentone anni 80 dei Cutting Crew. Gli spettatori più imberbi, invece, si fermano alle battute più immediate, perdendosi inevitabilmente tutto il resto. Sì, capita in quasi tutti i film d'animazione odierni, quando ci sono delle citazioni, ma il fatto è che qui tutta la pellicola è una citazione continua. Quello che però a LEGO Batman - Il Film manca rispetto a The LEGO Movie è il secondo livello scaldacuore, quella sorpresa che nel primo film ha spiazzato gli spettatori adulti e dato loro pure qualcosa su cui riflettere, soprattutto se si trattava di spettatori già riprodottisi. E quel qualcosa su cui riflettere era: sì, bellissimo, però colpazzochecifacciogiocaremiofiglio. Quello qui non c'è: c'è la parodia che il suo momento Bing-Bong® lo cerca in una fugacissima riflessione sul concetto di famiglia nel mondo di Batman, tra una scena di ridere e l'altra. Cosa resta, allora, solo un frullatone di gag? Beh, sì. Ma è un frullatone di gag esilarante e, sostanzialmente, il film di Batman definitivo.
No, non nel senso che sia il film di Batman più bello mai realizzato (qualcuno ci ha pure provato, ma per te non ha molto senso paragonare una commedia con i mattoncini a dei film live action crime-drammone-cavucincù), ma nel senso che c'è tutto. C'è il rapporto di Batman con la sua Gotham (e le contraddizioni che si porta dietro "la città più pericolosa del mondo"), c'è il rapporto con Joker, con Robin (e anche lì...), la bromance alla non mi fido con Superman, un accenno del nuovo e un po' inquietante rapporto con Batgirl. Un orgasmo mentale, lì sì, per ogni fan del Pipistrello, e un orgasmo visivo per chiunque altro, perché tutto lo spettacolo di The LEGO Movie, pur venuto meno il fattore va' che roba si sono inventati, viene superato in scioltezza da una realizzazione tecnica che ha dell'incredibile. Ci sono ancora tutti quegli effetti di fuoco, acqua e qualsiasi altra cosa realizzati con i mattoncini (e pure i personaggi che fanno con la bocca il rumore degli spari, tranquilli), ma le scene d'azione sono, se possibile, ancora più pazzesche. Lo Scuttler, mech trasformabile a forma di pipistrello, è così zucchero per le retine, talmente meravigliosoooo che per descriverlo non bastano tutte le o che trovi in un romanzo di 600 pagine scritto da un amante delle vocali posteriori. Nel guardarlo in azione ti si sono materializzati nel cervello in un nanananasecondo gli ideogrammi nippocalabresi di lovoglio e amazonprendiimieisoldi. 
Due parole, infine, per il doppiaggio italiano. Continua ad andarti benone il Batman di Claudio Santamaria col vocione di chi si sveglia alle quattro, ma hai trovato difficile mandare giù la Barbara Gordon/Batgirl di Geppi Cucciari (in originale c'è la voce di Rosario Dawson). Intendiamoci, trovi la Cucciari molto in gamba nelle cose che fa, una comica per nulla banale (il che di default la piazza una spanna sopra il 90% dei comici TV), solo che l'inflessione cagliaritana non fa esattamente figlia di Gotham City. Questa usanza rabarbara (e qui pure un po' zedda piras) che nei film d'animazione italiana dobbiamo metterci a forza i comici? Anche basta, grazie. Sempre a proposito del doppiaggio, per chi ha visto BoJack Horseman, c'è il momento magoncino di lana da annodarsi ad altezza tonsille quando salta fuori quella voce.
Non ha lo spessore emotivo né l'effetto novità di The LEGO Movie, ma ti ha divertito molto, come immagini abbia divertito/possa divertire chiunque abbia anche solo un vago interesse per le vicende di Batman e il suo mito. Chi ha ideato tutte quelle gag - cioè Seth Grahame-Smith, il Chris McKenna di American Dad e il resto della cumpa - merita almeno un +1 nel contatore delle buone idee di Batman. Ah, dimenticavi: sì, il Re dei Condimenti esiste davvero


LEGO Batman - Il film
Recensito da: DocManhattan Data: Feb 16 2017
Voto: 4

32 commenti:

  1. Concordo. Bello davvero. Non al livello di THE LEGO MOVIE ma divertentissimo. Ho riso come uno scemo.E pieno di citazioni a manetta (anche da Miller e da The Killing Joke, e non me le aspettavo proprio). Finalmente un film che mantiene le promesse, una volta tanto. Censura, come al solito, sulla scelta di alcuni doppiatori. Ma la vogliamo capire o no che non ce n'e' bisogno, di infilare i comici?

    RispondiElimina
  2. Pensa: a me The Lego Movie era parso con (un po') il freno a mano tirato, come se avessero paura a osare di più (tanto che, col seguito Duplo, mi aspetto davvero qualcosa senza freni).
    Batman Lego è invece un film -per me, eh- su più livelli. Un film per bambini di pura cazzoneria (e solo in questo caso i Lego hanno la loro funzione di richiamo, ché altrimenti potevano farlo in qualsiasi altro modo e con qualsiasi altro mezzo), ma che ha almeno altri due livelli di lettura: per adulti (implicazioni sessuali e via dicendo) e poi l'altro, che è tutto ciò che elenchi anche tu, su chi è fan di Batman (della sua storia editoriale, le accuse, i prodotti cinetelevisivi...).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Ma di quegli innuendo lì, del livello 2 per adulti, si fa menzione nella recensione, eh. ;)

      Elimina
    2. Lo so, infatti l'ho detto che anche tu hai ribadito la questione^^

      Moz-

      Elimina
  3. Ma veramente vi è piaciuto tanto The LEGO Movie? A me il trailer ha talmente irritato che non ho proprio visto il film, magari lo recupero in qualche modo...

    RispondiElimina
  4. L'ho adorato anche io che non sono un gran fan di Batman, le uniche citazioni all'universo di Gotham che ho colto erano quelle relative al telefilm ed ai videogiochi Lego.
    Avendolo visto al cinema in Inghilterra non posso pronunciarmi sulla qualitá del doppiaggio, ma non ho mai capito perché, con tutti gli ottimi doppiatori che ci sono, debbano inserire a forza delle voci "famose".

    RispondiElimina
  5. Il doppiaggio di Barbara Gordon causava un crollo dell'immersione non da ridere.
    Ci ho messo almeno 5 minuti a riprendermi dopo che, nei primi 15 minuti, BG ha pronunciato un terrificante "aiò" stile Nico di Aldo Giovanni e Giacomo.
    La nota piu stonata di tutto il film secondo me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è molto più di una semplice nota stonata e NON andrò a vederlo proprio per questo motivo (grazie Warner Italia). È più forte di me, ma non ce la posso fare ad accettare una cosa simile proprio perché sono un appassionato di LEGO E di BATMAN e mi rifiuto di buttare i soldi per assistere a un scempio simile. Sono molto dispiaciuto e la rece positiva del doc aumenta solo il mio rammarico.

      Elimina
  6. Cavoli lo devo vedere assolutamente. Anche perché non ci sono parti che "ti fanno pensare"
    Voglio dire una cosa,a me sta storia che devono mettere nei cartoni animati delle parti che ti devono far ragionare o commuovere o via dicendo proprio non va giù. Il cartone animato lo vedo comunque come puro e semplice intrattenimento caxxone,per quel genere di cose ci sono i film drammatici o le commedie impegnate. Boh,sarò superficiale io o avrò semplicemente un cuore di pietra arido..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me dipende, non faccio differenza tra un film o un'opera a cartoni animati, cosí come un film puó essere drammatico o impegnato cosí trovo lo possa essere un cartone.
      Per il resto anche io trovo che nopn debba sempre necessariamente esserci un secondo livello di lettura, a volte ho bisogno di semplice svago. Per dire, a me il secondo livello di lettura di Lego movie non é piaciuto, mi é sembrato appiccicato lí un po' per farti riflettere ma non ne avrei sentito la mancanza.

      Elimina
  7. Visto insieme all'erede, ma un frullato di citazioni non è un film. Troppo verboso, confesso un calo di palpebra qua e là, nel secondo atto. Tecnicamente superbo, doppiaggio della Cucciari da dimenticare.

    RispondiElimina
  8. Faccio il pdf? Faccio il pdf...la Geppi é sassarese, é come dire a un interista che sembra juventino.
    Film in visione oggi pomeriggio, mi hai fatto salire la scimmia:D

    RispondiElimina
  9. Ot Geppi ha pure giocato con la virtus cagliari, é di casteddhu

    RispondiElimina
  10. A me Lego movie non aveva detto granché, ma questo mi tenta

    RispondiElimina
  11. Moolto interessante!!!!
    Però doc, hai nominato il Batman anni '60... l'episodio 6 arriverà mai?
    http://docmanhattan.blogspot.it/2016/07/batman-il-telefilm-episodio-5.html

    RispondiElimina
  12. Oh, ero indecisa se andarlo a vedere (perché sì, "The Lego Movie" mi era piaciuto, ma quello che mi aveva convinto meno - e assai attapirata - era stato proprio "il secondo livello scaldacuore", se proprio devo dirlo. Che ci vuoi fare, sono una brutta persona :P), mentre questa tua recensione mi ha assai scimmiato :)
    Certo, la mia cultura pop ha discrete lacune (tipo, chi/cosa fossero i Cutting Crew ho dovuto gugolarlo, anche se poi la canzone la ricordavo benissimo XD), e quella "batmica" ancora di più, ma credo comunque che potrei divertirmi. Bene bene!

    Io però, da grande estimatrice dei doppiatori italiani _professionisti_, ho l'idiosincrasia per comici e personaggi a caso dello spettacolo imposti al doppiaggio dei film d'animazione (sbaglio o sono i più colpiti?) solo "Perché sì!". Dovrò prepararmi psicologicamente...

    RispondiElimina
  13. recensione da urlo. come mi aspettavo sarà un capolavoro.
    solo un appunto

    "colcavolochecifacciogiocaremiofiglio"

    lo dicevo anche io.

    giusto ieri ha strappato il braccio a un takichoma comprato eoni fa e lo ha usato per imboccare un bambolotto.


    sono morto un po' dentro ma le ho sorriso e ho detto "che bravaaa".

    vabbè settimana prossima trovo il modo di andare.

    RispondiElimina
  14. ci voglio andare ma non mi accompagna nessuno!!!

    RispondiElimina
  15. OT
    che patata Rosario Dawson
    Chiuso OT

    RispondiElimina
  16. Devo trovare il tempo di andare a vederlo!! Nel mentre se può interessare oggi passando davanti ad un'edicola ho visto che è uscito un magazine del film con in regalo la minifigure di batman in limited edition, presa!! ;)

    RispondiElimina
  17. Mi sono piegato dalle risate... Madonna è stupendo :D

    RispondiElimina
  18. Bene sabato andiamo. Una domanda, le animazioni mi sembrano dal trailer più fluide delle inguardabili scattose movenze del lego movie, ho compreso correttamente?

    Inoltre vorrei dire che i due livelli di the lego movie [SPOILER] a me facevano fastidio. Primo il padre mi stava altamente sulle palle, perchè usa il LEGO come una barriera col bambino, poi perchè quando il bambino si guadagna il diritto di giocare, regala lo stesso diritto alla sorellina, . Secondo mi stava pure sulle palle il bambino ,perchè il mondo fantastico che si costruisce fa pena ed è evidentemente il mondo fatastico creato da un adulto. Quindi niente Bing Bong , al massimo un Alvari Vitali blu vestito. (Che trapparentesi tonda non so se sapete è tornato in auge dedicandosi ai film P0*no . Grande carriera da Fellini alle sveltine ) . Non mi riconosco pertanto nè nell' uno nemmanco nell' altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che trapparentesi tonda non so se sapete è tornato in auge dedicandosi ai film P0*no

      EH?! Sapevo di Giulio Massimini (per rimanere "in tema": interpretava il possibile suocero della sorella di Pierino nel film capostipite, salvo poi indossare i panni del padre - sostituendo Enzo LIberti - in "Pierino torna a scuola") ormai da decenni riciclatosi nell'hard ma Alvaro Vitali mi giunge proprio nuova...

      Elimina
    2. http://it.blastingnews.com/cultura-spettacoli/2017/01/alvaro-vitali-gira-un-video-hard-con-rocco-siffredi-boom-di-visualizzazioni-001405907.html

      a dire il vero ho letto proprio oggi comunuqe che è arrivata una smentita ufficiale . Ecco Rado ti ringrazioe così posso editare e mi eviti di fare le fake news che dopo mi prendono a boldrinate.

      Elimina
    3. Figurati; era semplice curiosità.
      D'altronde non mi avrebbe sorpreso troppo, considerando che (restando nel cast del primo Pierino) pure Enzo Garinei ha (avrebbe?) preso parte a due hard ;-)

      Elimina
  19. Per scrupolo: va bene (è divertente e adatto) anche per bimbi/e di 5 anni, che sanno a malapena chi è Batman?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci ho portato mia figlia di sei anni e si è divertita :)

      Elimina
    2. Comunque le mie figlie (5 e 2 anni) riconoscono Batman (anche solo dal logo con pipistrello e testa) e canticchiano la sigla del telefilm (anzi, per un po' di tempo hanno chiesto tutti i giorni di vederla, insieme a quella classica di Spider-man)

      Elimina
  20. SPOILER




    Mi sono perso la citazione di Obama....?

    RispondiElimina
  21. SPOILER


    A proposito di citazioni:
    io nei primi minuti ho intravisto una scena con in secondo piano l'ingresso di un cinema: il film in cartellone era qualcosa tipo: "two shades of grey" forse come rimando, oltre che alle 50 sfumature, anche e soprattutto alla battuta *epica* di The Lego Movie che inizia con "I only work in black..." :-D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails